La scuola di Adro (BS): dalla Repubblica di Salò alla Padania … e ritorno

di Stefano Fumarola

La nota vicenda della scuola di Adro, nel bresciano, una scuola pubblica nella quale sono stati disseminati numerosi simboli leghisti, chiarisce una volta di più che accanto ad un’anima autonomista, che persegue però anche l’obiettivo antinazionale della secessione, vi è un nocciolo duro autenticamente fascistoide che segna profondamente la Lega Nord.

Questa sua natura fascistoide emerge con chiarezza da molti aspetti che ne caratterizzano l’azione politica ed è chiara da sempre, per quanto da più di vent’anni molti facciano fatto finta di non vedere: l’indiscussa volontà del capo carismatico o fuhrerprinzip, il culto della personalità nei confronti del capo stesso,  i riferimenti pseudo-culturali ad un passato mitizzato (ieri i Nibelunghi e gli antichi Romani, oggi i  Celti e il medio evo del Carroccio), gli appuntamenti di partito in luoghi simbolici  che diventano veri e propri rituali liturgici (ieri i congressi di Norimberga, oggi l’ampolla del dio Po e Pontida), l’ostentazione permanente dell’appartenenza al partito anche a livello di abbigliamento (ieri spille e fasce al braccio, oggi cravatte e foulards verdi),  le “camicie verdi” e le ronde padane (ci ricordano qualcosa?).

E ancora: la visione della politica come espressione muscolare (abbiamo dimenticato il “celodurismo”? E i riferimenti al prezzo delle pallottole? E le fantomatiche migliaia di Bergamaschi pronti a sollevarsi in armi?). Oppure l’individuazione di un nemico facilmente identificabile a cui associare il malcontento diffuso, ieri le democrazie plutocratiche o gli Ebrei, oggi i meridionali e gli immigrati stranieri. O l’esaltazione nazionalista che oggi si lega al territorio locale e diventa sentimento antiitaliano assumendo l’obiettivo della secessione. E infine l’identificazione del Partito con lo Stato, entrambi espressione dello stesso “volk”, dello stesso popolo.

Qua mi fermo, senza voler approfondire ulteriormente in questa sede la complessità della Lega Nord e gli aspetti fascistoidi  che la connotano, aspetti che non sono meno veri per la presenza tra i leghisti anche di persone stimabili, di semplici autonomisti e di elementi comunque moderati accanto agli estremisti, i quali  però la marcano autenticamente.

La vicenda della scuola di Adro è esemplare per comprendere fino in fondo la cultura politica di molti esponenti leghisti; ma  fa riflettere anche perché, accanto alla mancanza di senso dello Stato dimostrata dai poteri pubblici locali, sindaco in testa, abbiamo avuto l’evidente consenso dei cittadini di quel paese a questa piccola ma anche grande violenza (perché la violenza può anche non essere fisica) consumata nei confronti della neutralità politica dello Stato e dei suoi luoghi, appunto pubblici e non di parte.

Insomma, per farla breve, mi sembra che la cosiddetta Padania inventata dalla Lega Nord altro non sia che il ritorno sotto diverse sembianze della Repubblica di Salò dalle Alpi alla linea Gotica; sconfitta dalla storia quella, questa va sconfitta dalla politica, senza equivoci e tentennamenti, senza inseguire la Lega sul suo terreno scimmiottandone la cultura di finto federalismo, ma in realtà separatista, e senza derubricare a “folklore” le uscite dei leghisti, compreso il rifiuto del Tricolore e dell’Inno di Mameli.

Oggi dunque è evidente più che mai che la prima grande emergenza nel nord Italia è quella di recuperare ai valori della democrazia e dell’unità d’Italia quelle grandi masse di cittadini che votano Lega, ai quali evidentemente questa sa rivolgersi; e per farlo,  noi dobbiamo riuscire a parlare alla gente comune dei suoi bisogni e dei suoi problemi con la nostra visione, la nostra etica e le nostre soluzioni concrete.

La gente vuole risposte: sta a noi darle. E in modo semplice e convincente.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Scuola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...