Il Sindaco e il Tricolore

La rabbia del Sindaco di Silea Silvano Piazza contro i provvedimenti governativi è giustificata, noi di SEL consideriamo palesemente iniqua l'azione di questo Governo, i cui provvedimenti sono volti a colpire principalmente famiglie e lavoratori.
I tagli agli Enti Locali contribuiscono e contribuiranno all'estensione della povertà nel nostro Paese perché tolgono risorse a quelle Istituzioni che più vicine sono ai cittadini, ed a cui i cittadini in primis si rivolgono.
Consideriamo un errore però prendersela con la Bandiera Tricolore, essa non rappresenta solo il Governo ed il Parlamento che hanno compiuto queste scelte ingiuste, ma è espressione di tutte le italiane e tutti gli italiani. Il gesto di oscurarla appare come il frutto avvelenato del ventennio leghista e delle sue parole d'ordine.
Pensiamo che quella giustificabile rabbia andrebbe rivolta invece a chi ha precise responsabilità nei Provvedimenti in questione, che anche noi censuriamo, e che sarebbe corretto lasciare in pace la nostra Bandiera nazionale e aprire subito una forte polemica con quei parlamentari, soprattutto del centrosinistra e del nostro territorio che quei provvedimenti hanno votato.
Sinistra Ecologia Libertà è con profonda convinzione disponibile ad iniziare un dibattito e una azione con i cittadini e con i sindaci per cambiare quei provvedimenti.

Sinistra Ecologia Libertà

Circolo di Treviso

Festa del 2 giugno senza bandiere, il sindaco di Silea lancia la protesta

http://tribunatreviso.gelocal.it/cronaca/2012/05/28/news/festa-del-2-giugno-senza-bandiere-il-sindaco-di-silea-lancia-la-protesta-1.5169317

L’iniziativa voluta da Piazza contro gli effetti di Imu e patto di stabilità Muraro: aderiscano anche gli altri primi cittadini

«Ho rimosso le bandiere italiane fino a quando terminerà questo ignobile ladrocinio, e non sarò con Lei alla festa del 2 giugno»: a scriverlo Silvano Piazza, sindaco di Silea, vicino al Pd recentemente rieletto al secondo mandato, in una missiva al prefetto di Treviso. La protesta è legata all’istituzione dell’Imu e ai vincoli del patto di stabilita.«Silea è tra i Comuni più virtuosi d’Italia», spiega Piazza, «ma lo Stato cosa fa? Si prende tutti i nostri soldi per sostenere chi spreca. Questa la Repubblica che dovrei festeggiare con lei? Quale discorsetto di retorico amor patrio dovrei ascoltare?». La decisione, sottolinea Piazza, deriva anche dal fatto che, secondo i calcoli eseguiti dal Governo sull’Imu che il Comune di Silea dovrebbe incassare, la differenza fra questa e il gettito reale «è talmente ampia che teoricamente dell’imposta municipale non dovrebbe arrivare a Silea nemmeno un euro. Anzi dovremmo anche versarne in aggiunta».

Le bandiere italiane ha detto sono state tolte dalla sede municipale e non saranno presenti lungo le strade in cui solitamente il 2 giugno vengono esposte. Piazza ha inoltre fatto un appello a tutti i sindaci del Veneto per incontrarsi e lottare insieme .

Immediate le reazioni. Favorevole quella del presidente della Provincia Leonardo Muraro: «Mi auguro che la protesta annunciata dal sindaco di Silea sia fatta propria anche da altri sindaci, chiederò al nostro segretario provinciale di coinvolgerli».

Ma c’è anche chi prende le distanze: «Siamo vicini al collega ma il gesto mi sembra oltre le righe», ha commentato il presidente dell’Anci del Veneto, Giorgio Dal Negro.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...