Archivi tag: elezioni amministrative

elezioni amministrative: vince il centrosinistra aperto all’innovazione

Quelle di Vittorio Veneto, Mogliano Veneto e Preganziol, sono state tre bellissime vittorie per il centrosinistra. E altrettante sconfitte pesanti per la Lega trevigiana.
Seppure con percorsi tra loro diversi, in queste realtà ha prevalso alla fine lo spirito unitario di un centrosinistra aperto e capace di andare oltre le organizzazioni partitiche e aggregare forze civiche e pezzi di cittadinanza attiva. A Mogliano attraverso un lungo percorso partecipato, con tanto di primarie di coalizione che hanno dato per tempo lo slancio alla coalizione e al candidato sindaco scelto. A Preganziol attorno alla candidatura a sindaco di una figura nuova e dinamica creando una aggregazione ampia e aperta. A Vittorio Veneto recuperando al secondo turno, con un accordo programmatico, quello spirito unitario e di apertura che era stato negato al primo.
Quello che vince alle elezioni è il centrosinistra che si carica di istanze di cambiamento, reali e concrete, e che affronta le sfide contando sulla partecipazione e sulla capacità di dialogo e interlocuzione con la realtà esterna al ristretto mondo delle militanze organizzate. vittoria
Ora si apre in queste città una seconda fase, quella del governo per il cambiamento. Aver chiuso la stagione di governo leghista non significa richiudere una parentesi e tornare indietro a vecchi stile di governo che hanno aperto le porte all’arrivo della barbarie padanista, ma realizzare, a partire dai governi locali, quel cambiamento, prima di tutto morale, di cui il paese sente vitale bisogno.
La spinta è quella giusta, ora comincia il lavoro duro, per i sindaci eletti, i consiglieri, e le squadre di militanti e sostenitori che devono restare in campo, per consentire al cambiamento di trovare tutte le gambe necessarie per avanzare.

Luca De Marco

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Il Sindaco di Resana si alleggerisca la coscienza e liberi il posto

Accade anche questo: che il Sindaco di Resana (Tv) partecipi alla messa del prete lefevriano in memoria del “buon soldato” Priebke, si chieda se non siano più colpevoli i partigiani che rifiutarono di consegnarsi ai nazisti, equipari il proprio lavoro di sindaco a quello del boia nazista, perché deve applicare le leggi “criminali” su IMU e Tares senza potersi rifiutare.aaaaaaaa
Le dichiarazioni del Sindaco di Resana su Priebke sono assolutamente allucinanti e indegne di un pubblico amministratore della Repubblica Italiana. Dimostrano altresì una conoscenza dei fatti storici unilaterale, fondata sulle fonti filonaziste più che sulla realtà storica e giudiziaria. L’equiparazione morale tra l’attentato di via Rasella e la rappresaglia delle Fosse Ardeatine è già stata smentita, anche in sede legale, in maniera definitiva. Il quotidiano Il Giornale è stato condannato per aver operato questa falsa equiparazione basandosi su dati storici inventati. Non è vero infatti che i partigiani rifiutarono di consegnarsi ai nazisti dopo l’attentato e che perciò causarono l’eccidio nazista. Ricordiamo infatti il calendario degli eventi all’ignaro sindaco: l’attentato di via Rasella avviene il pomeriggio del 23 marzo 1944, la sera stessa Priebke ed altri ufficiali si applicano alla preparazione della lista di italiani da uccidere, il pomeriggio del giorno dopo comincia la mattanza dei 355 italiani all’interno delle cave. Solo il 25 compare un comunicato sui giornali romani che informa dell’attentato di via Rasella e aggiunge: “il comando tedesco ha perciò ordinato che per ogni tedesco assassinato, dieci comunisti-badogliani siano fucilati. L’ordine è già stato eseguito”. La fandonia per la quale i partigiani si siano rifiutati di consegnarsi ai tedeschi, che avrebbero minacciato in caso contrario di procedere a rappresaglia, fa parte del repertorio revisionista dei nostalgici del fascismo, al quale evidentemente di ispira il Sindaco di Resana.

Sostiene il Sindaco che egli non si sente moralmente superiore a Priebke perché deve applicare ai suoi cittadini la Tares e l’IMU. Priebke alla strage delle Fosse Ardeatine uccise personalmente due italiani, come era previsto facesse ogni ufficiale, e tenne la contabilità delle vittime, che a turni di 5 per 67 volte venivano condotti all’interno delle fosse e uccisi. L’operazione durò alcune ore, e diligentemente ad ogni turno il Priebke cancellava dalla lista le proprie vittime.

Se davvero il Sindaco è convinto che quello che egli fa come amministratore è equivalente alle azioni delle SS, allora Priebke forse aveva scrupoli morali superiori a quelli che dimostra il signor Sindaco, visto che la versione dell’ufficiale delle SS era di non potersi rifiutare dall’eseguire gli ordini, pena conseguenze molto più negative di quanto possa mai subire un sindaco che voglia istigare all’obiezione fiscale.

In questi giorni il sindaco del comune padovano di Casale di Scodosia si è dimesso contro le politiche fiscali del Governo. Consigliamo allora al sindaco di Resana di seguire l’esempio del suo collega, così potrebbe alleggerirsi la coscienza e smettere di considerarsi un boia, rifiutarsi di applicare leggi che definisce “criminali” e magari liberare un posto di amministratore pubblico occupato non del tutto degnamente, visto che tra compiti di un sindaco non rientra il revisionismo storico e la propaganda nazista. E considerando che il Comune di Resana è retto da una strana alleanza Lega-PD, farebbe anche una buona opera di chiarezza politica.

Ovviamente ci aspettiamo che su questo il PD sappia prendere le proprie opportune decisioni.

Luca De Marco
coordinatore provinciale SEL Treviso

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Ballottaggio a Treviso – Con Manildo per Treviso

manildo manette

Dopo il risultato del primo turno che consegna a Giovanni Manildo un discreto vantaggio sullo sfidante Giancarlo Gentilini c’è bisogno ancora del massimo della passione e del lavoro per dare a Treviso un’Amministrazione che segni una profonda discontinuità con il ventennio leghista.

GIOVANNI MANILDO     17.461 voti     42,56 %

GIANCARLO GENTILINI     14.283 voti     34,81 %

Congratulazioni al nostro giovane Said Chaibi neo-eletto al Consiglio Comunale grazie al buon risultato della Lista La Sinistra Unita per Treviso 1.704 voti e il  4,60 %, e alle 149 preferenze personali conquistate.

1 Commento

Archiviato in Politica

LA SINISTRA UNITA PER TREVISO

LA SINISTRA UNITA per Treviso

Il simbolo della lista che abbiamo costruito.

La pagina sul sito di

E la sua pagina Facebook

LA SINISTRA UNITA PER TREVISO

LISTA “LA SINISTRA UNITA PER TREVISO”

Siamo una lista di persone giovani e meno giovani, donne e uomini: studenti, lavoratori dipendenti, autonomi e precari, persone di diverse realtà e culture, che sentono l’importanza di mettere in rete le loro sensibilità individuali e le capacità progettuali e operative. Tutti siamo ugualmente convinti che il rinnovamento della politica non possa che passare attraverso la partecipazione alla cosa pubblica, che è essa stessa un bene comune.
Il voto nelle recenti elezioni politiche, che ha visto a Treviso il crollo della Lega e del centrodestra, è espressione del fallimento delle classi dirigenti che hanno governato la città finora, e la manifestazione che strati sempre più ampi di cittadini chiedono un profondo cambiamento, del quale noi dobbiamo essere interpreti e protagonisti nella coalizione “Treviso Bene Comune”, con Giovanni Manildo candidato sindaco.
La nostra lista vuole contribuire al progetto di ricostruire il tessuto sociale della città, largamente compromesso da anni - di omofobia e di razzismo gentiliniano, - di sottrazione progressiva degli spazi di pubblico confronto, - di chiusura di fronte alle domande di superamento delle barriere culturali e materiali, - di amministrazione incapace di costruire con i soggetti vivi della comunità trevigiana un percorso armonioso di crescita sociale e culturale.
Non ci sono altre strade per realizzare una città viva e solidale, attenta ai bisogni di tutti di quelli che vivono del proprio lavoro, colpiti con durezza dalla crisi, e delle fasce sociali più esposte al disagio.
Noi abbiamo già sperimentato – nella costituzione della nostra lista – l’entusiasmo dell’apertura, la forza della condivisione e la ricchezza della pluralità: confidiamo che i cittadini di Treviso ci consentano di realizzare il nostro programma, non solo con il voto, ma nel percorso quotidiano della vita della democrazia e nel governo delle istituzioni.
Questi sono i punti cardinali del nostro programma:
1. una città di qualità, dove lavoro e ambiente siano entrambi fattori di crescita sociale;
2. un Comune capace di sostenere l’offerta dei servizi attraverso una tassazione rimodulata sulla base di criteri di giustizia sociale, e capace di redistribuire gli stessi servizi in modo equilibrato tra centro e periferie;
3. la cultura come spazio di inclusione e di incontro tra le generazioni, che promuova la creatività giovanile;

I candidati: 4. uno sviluppo urbano sottratto alla speculazione e alla rendita, e riconsegnato alla vivibilità del centro e dei quartieri, e alla mobilità sostenibile (lavoreremo perché il Comune riesca a riportare almeno cinquecento nuove famiglie nel centro storico).

I candidati:

N.

Cognome e Nome

1

Antonucci Elisabetta

2

Baccichetto Matteo

3

Bellato Gian Paolo detto Poli

4

Biscaro Fabio

5

Brotto Francesca

6

Bruzzolo Martina

7

Cabino Anna Caterina

8

Calò Agnese

9

Cecotti Chiara

10

Chaibi Said detto Said

11

Coletti Eugenia

12

D’Alessandro Rodolfo

13

Dall’Agata Stefano

14

Danzinelli Raffaella

15

Gorza Pretty Raffaella

16

Greguoldo Alessandro

17

Guglielmini Marco

18

Longo Tomaso

19

Lorenzoni Antonella

20

Milan Valentina

21

Paolisso Gaetano Armando

22

Pedretti Marco

23

Pettinati Giuseppe

24

Pontello Antonio

25

Rizzato Silvia

26

Sartori Roberta

27

Schiavon Paola

28

Solbiati Michele

29

Spadon Filippo detto Cotone

30

Valenti Giulia

31

Zanetti Danilo

32

Zotti Giulio

1 Commento

Archiviato in Politica

Treviso – È ora che si convochi la coalizione

SEL è per un’ampia alleanza senza discriminazioni, per questo, già a metà settembre abbiamo inviato alle forze disponibili a dare un nuovo governo a Treviso, partiti e forze sociali, la richiesta di aprire un confronto per definire programma e alleanze passo indispensabile per aprire poi il confronto con i cittadini e con la Città arricchire il programma stesso.

In tale richiesta SEL indicava la sua proposta di una alleanza tra le forze di centro sinistra, le liste civiche aperta al contributo di quanti, partiti e forze sociali, intendono “lavorare” per un programma che dia alla città nuove prospettive.

Sono passate tre settimane dalle primarie del PD, e non è ancora stato convocato un incontro tra le forze disponibili ad una coalizione per il governo della Città.

Non c’è più molto tempo perché una alleanza di progresso non può essere definita all’ ultimo momento o nel chiuso delle segreterie dei partiti; l’ accordo tra i partiti e le forze civiche è sicuramente indispensabile, ma deve vivere e verificarsi in un rapporto continuo con i cittadini: questo vale per il programma e per le scelte.

Noi abbiamo rispetto per i cittadini che alle primarie del PD hanno compiuto una scelta e senza nessuna aprioristica contrarietà alla scelta stessa siamo convinti che la coalizione abbia il diritto/dovere di esprimere la proprie valutazione!

E’ ora che il Candidato Sindaco della forza maggioritaria della coalizione convochi tutte le forze disponibili senza esclusione alcuna, sul progetto di programma e sulle linee di gestione dello stesso.

Fermo restando l’obiettivo sopra dichiarato non possiamo rimanere in balia di indecisioni, tatticismi, opportunismi che in ultima analisi, non solo a Treviso purtroppo, consentono un giudizio negativo ma giustificato sulla politica e sui partiti, SEL lavorerà per unire quanti si riconoscono in una visione di alternativa politica concreta alle destre attualmente al governo della Città.

Coordinamento SEL Circolo di Treviso

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Comunicato Stampa congiunto dei Segretari provinciali di PD, IdV e SEL Treviso

Si è svolto martedì sera un incontro tra Pd, Idv e Sel, alla presenza dei segretari provinciali Roberto Grigoletto, Gianluca Maschera e Luca De Marco, per avviare un confronto sulla scadenza elettorale del prossimo anno nel Comune capoluogo.

Al termine è stata espressa da tutti piena soddisfazione per l’esito dell’incontro, ritenuto non solo positivo ma soprattutto propositivo in merito al percorso da compiere per affrontare con responsabilità e nel modo più efficace l’importante scadenza elettorale a Treviso nel 2013.

Un rinnovo, quello dell’Amministrazione della città di Treviso, che secondo i tre segretari provinciali dovrà vedere tutti impegnati e uniti, profilandosi la reale possibilità di segnare un effettivo cambiamento nella gestione della città e chiudere finalmente il ciclo del ventennale governo leghista

Per questo Grigoletto, De Marco e Maschera ritengono sia indispensabile portare avanti da subito un confronto ed un lavoro comune aperto, da estendere e condividere con quanti, forze politiche e sociali, sono interessati ad un reale cambiamento nella gestione politica della città. “Nessuna autosufficienza da parte dei singoli partiti” è stato più volte ribadito e totale apertura a quanti, non avendo condiviso la gestione leghista della città, intendono ora contribuire al superamento di questa fase.

Non sono infine mancate proposte di iniziative di grande interesse per un percorso che sia di ampio coinvolgimento e partecipazione di forze sociali, associazioni e singoli cittadini. Un confronto di idee e di proposte che possa raccogliere e valorizzare le grandi potenzialità presenti in città ed arricchire la proposta politica di governo, oltre a garantire un percorso condiviso e partecipato.

Sono in calendario successivi incontri per approfondire la collaborazione avviata.

Roberto Grigoletto Segretario provinciale Partito Democratico

Luca De Marco Coordinatore provinciale Sinistra Ecologia Libertà

Gianluca Maschera Segretario provinciale Italia dei Valori

Treviso, 11/07/2012

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Per una nuova stagione dei diritti civili

Sinistra Ecologia Libertà di Treviso sostiene Campagna  Una Volta per Tutti in favore della Proposta di Legge di iniziativa popolare per il riconoscimento delle Unioni Civili.

Ci stiamo quindi organizzando per essere presenti con i nostri banchetti in tutta la Provincia di Treviso, ed invitiamo i cittadini e le cittadine della Marca a a sostenere con noi questa Campagna che vuole portare il nostro Paese alla pari con le posizioni più evolute che ci sono in Europa.

Il nostro impegno sarà inoltre per caratterizzare su questo tema anche il nostro programma alle Elezioni Amministrative di Treviso, così come è stato fatto recentemente a Conegliano, con la proposta (mutuata da quella di Vicenza) per la

PETIZIONE POPOLARE al Signor Sindaco del Comune di Treviso per Rilascio Attestazione di Costituzione di Famiglia Anagrafica

PETIZIONE POPOLARE al Signor Sindaco del Comune di Treviso.pdf .

Lascia un commento

Archiviato in etica

Avviare il Progetto della Città

Sinistra Ecologia Libertà ha realizzato, in queste settimane, un percorso con le forze politiche, presenti in Consiglio Comunale, che si collocano all’opposizione della Giunta Lega PDL, per verificare disponibilità, tempi e modi di avviare un programma di ricerca e di iniziativa politica su obiettivi condivisi, in vista delle elezioni del prossimo anno.

Sinistra Ecologia Libertà sottolinea che tutti i partiti e i movimenti incontrati sono accomunati da una forte convinzione che sono maturate le condizioni per una svolta nel governo della Città, non solo per l’implosione del centro destra a livello nazionale, ma soprattutto, perché ormai emergono, in strati sempre più ampi di cittadini di Treviso, i limiti e i gravi errori del ventennio “gentiliniano”, segnato da azioni di pura immagine, contrapposizioni e arroganza, divisione all’interno, rottura con le Città vicine.

E’ emersa, inoltre, l’opinione che un’alternativa non può nascere solo dall’incontro tra forze politiche, da qui la disponibilità per costruire con i cittadini, l’associazionismo, il mondo della cultura, del lavoro, i movimenti un Programma della Città.

Sinistra Ecologia Libertà giudica positivamente le disponibilità emerse e ritiene indispensabile che si traducano, già nelle prossime settimane, in un agenda di lavoro per un’iniziativa di ricerca e azione politica in cui ogni forza metta a disposizione il proprio patrimonio di elaborazione e di relazioni sociali e politiche, avviando da subito il Progetto della Città.

In un grave momento in cui si intersecano crisi economica, crisi politica e crisi morale è necessaria una nuova “narrazione” di una Treviso aperta e solidale. Questa non può nascere su discriminazioni ideologiche, ma deve trovare le proprie ragioni su valori e scelte programmatiche che si basano sull’alternità alla cultura e alla pratica di governo di Lega e PdL, muovendo dalla condizione concreta dei cittadini di Treviso, con una forte azione di inclusione tra culture ed esperienze politiche, anche profondamente diverse. Il programma e il progetto d’iniziativa comune, maturato con la Città, diventa la ragione fondativa dello stare insieme.

In questo quadro, la scelta del Candidato Sindaco, che nel passato è apparso come il primo e più defaticante rovello di coalizioni votate alla sconfitta, va affidata alle primarie, non tra i partiti, ma tra i cittadini che hanno costruito e vissuto un processo di elaborazione di un programma e di costruzione di un’area politica in grado di assicurare la realizzazione del Progetto della Città.

SINISTRA ECOLOGIA LIBERTÀ

Coordinamento comunale di Treviso

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Conegliano città dei diritti: incontro con Alessandro Zan

Mercoledì 2 maggio

Sala EX Informagiovani

piazza San Martino, ore 20,45

Incontro con Alessandro Zan, assessore al Comune di Padova, sul tema dei diritti. Il Comune di Padova, su iniziativa dell’allora consigliere comunale Zan, è stato il primo in Italia ad attivare uno strumento già consentito dalla legislazione sull’anagrafe dei comuni, per rilasciare un attestato anagrafico alle coppie di fatto. Si parlerà di questa esperienza e, come sta avvendendo in mole realtà del Veneto, dell’estensione ad altri comuni di iniziativa simili. La coalizione composta da Sinistra Ecologia Libertà e Italia dei Valori a sostegno del candidato sindaco De Toffol è l’unica che ha inserito tra le proposte programmatiche per le prossime elezioni anche il tema dei diritti. Dal tema delle coppie di fatto a quello del testamento biologico, alla rappresentanza della popolazione immigrata attraverso un consigliere aggiunto o una consulta degli immigrati. Su tutti questi temi la realtà di Padova ha esperienze da condividere e da prendere come riferimento.

Alla serata parteciperà anche il candidato sindaco De Toffol.

Lascia un commento

Archiviato in Dignità

Amministrative 2012 in Provincia di Treviso

Sinistra Ecologia Libertà è presente alle Elezioni Amministrative per il rinnovo dei Consigli Comunali di Conegliano Veneto e di Casale sul Sile.

A Conegliano un coalizione composta da Sinistra Ecologia Libertà e Italia dei Valori sostiene la candidatura a Sindaco di Marco De Toffol, giovane esponente di SEL .

Per una nuova Conegliano

Il nostro obiettivo è quello di portare finalmente Conegliano nel XXI secolo. E’ quello di creare un città vivibile ed inclusiva, sostenibile e vivace, punto di riferimento per le realtà limitrofe e un esempio di innovazione e buona politica nella gestione amministrativa.

Il nostro impegno civico vuole essere costruttivo e vicino ai cittadini, libero da ogni forma di conflitto di interessi, concreto e innovativo nelle risposte.

La Lista di SEL:

Zanatta Dina, Agnoli Thomas, Baldo Marco, Buattini Claudio, Carlet Giorgio, Cappellotto Otello, Cisotto Marta, Fievoli Sasha, Finocchiaro Giuseppe, Frassinelli Loredana, Girotto Gianni, Marchio Lucia, Occhionero Alessandro, Piai Luca, Polese Mario, Salvador Matteo, Santonastaso Massimo, Serena Paolo, Spinelli Mauro, Venerandi Pier Luigi

A Casale una Lista Civica composta da Italia dei Valori, Sinistra Ecologia Libertà e Cittadini Democratici per Casale sostiene la candidatura di Massimiliano Scarpa di IDV.

Ci identifichiamo in questo simbolo, che rappresenta la nostra lista civica.

Contiene 3 simboli al suo interno: due partiti nazionali: Italia dei Valori, Sinistra Ecologia e Libertà; e una lista civica di Cittadini Democratici per Casale.

Rappresenta il centro-sinistra progressista di Casale sul Sile, per una politica nuova e giovane.

Candidato di SEL nella Lista è Felice Mercogliano

A Tarzo la Lista  DEMOCRATICI PER TARZO  sostiene il candidato Sindaco Giovanni TESSARI

Candidato di SEL nella lista è Alfiero Trinca  

Lascia un commento

Archiviato in Politica, Uncategorized