Archivi tag: gatto

UN GATTO

http://profile.ak.fbcdn.net/hprofile-ak-snc4/hs467.snc4/49219_100000655175698_7632305_n.jpg

Tante volte ci domandano come sia stato possibile che proprio l’Italia,il paese che aveva avuto la Sinistra più forte d Europa,sia oggi senza sinistra politica, senza un partito politico di Sinistra popolare,laico,del lavoro e dei diritti sociali e civili,radicato socialmente ma capace di vedere le mutazioni grandi. di capire ,assumendola, la libertà femminile,la fecondità dell ecologia e della non violenza, e i tanti e tante persone,giovani in primo luogo,che sono sinistra e arrivano alla sinistra per altre strade e altri percorsi oppure a causa di una semplice ingiustizia che vivono sulla loro pelle o che sentono inaccettabile nel mondo. E la ricerca di una risposta ci riporta per forza all’89 ,alla deflagrazione dei paesi dell est, alla caduta del Muro di Berlino. Capita spesso dopo un terremoto che dalle macerie esca un segno di vita, spesso è un gatto, superstite perchè più agile,capace di sopravvivere anche nelle situazioni peggiori. La Sinistra italiana invece,pur avendo una storia assai diversa da quella dei paesi dell est, restò con il corpo  e con l’anima sotto quelle macerie, soffocata dalle colpe di quelle dittature quasi fossero tutte sue. E certo colpe ne aveva avute nel non aver capito in tempo ciò che ad est succedeva ma aveva avuto anche grandi meriti democratici,capacità di riforme strutturali perchè pur stando alla opposizione aveva sempre avuto una forte cultura di governo che sapeva esercitare in parlamento e nel paese e in tante amministrazioni locali, una solida cultura politica,legami sociali significativi e una capacità di fare alleanze  invidiabile.Eppure quando tentò di riemergere, non uscì nulla di vitale. La generazione che la guidò allora  apparve priva di fierezza per la propria storia, per le proprie conquiste, con le spalle ripiegate tra vergogna  e nostalgia . Non siamo mai stati comunisti dissero alcuni, rifaremo i comunisti dissero altri.E così alcuni ,i più, si incamminarono lentamente ma inesorabilmente verso una china che li avrebbe portati, in venti anni, alla costruzione di un partito di centro democratico,altri,i meno,tentarono l’ impresa disperata e impossibile di rifondare il comunismo italiano. Due modi speculari di disattendere la sfida vera che avevamo tutti di fronte : quale Sinistra far vivere in Italia dopo quel crollo? facendo leva su cosa della nostra storia, tagliando con cosa, aggiungendo che cosa? Sono sempre stata convinta fin dal primo giorno nel quale si iniziò quella discussione che non era questione di nome e di simboli, la svolta fu sbagliata non perchè cambiò il nome ma perchè imboccò una strada che portava la Sinistra a vergognarsi di se stessa, dei suoi principi, della sua storia tutta,buttando acqua sporca e bambino insieme. e accettando che tutto ciò che avevamo alle spalle fossero solo macerie. Più orfani  e più sradicati di così non potevamo essere. Non piacevamo a noi stessi come potevamo piacere al paese? E difatti non ci radicammo più in nessun luogo,non fummo più egemoni in alcuna materia o settore o territorio.La Lega nord comiciò ad insediarsi nelle fabbriche,nelle piccole e medie imprese del nord e oggi piazza tende sotto le due torri a bologna,dove un Pd  senza una idea della città si appresta all ennesima risposta burocratica e si illude di poter fare ancora a meno del popolo bolognese e della società civile che questo popolo anima in tanti modi e forme. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Politica