Archivi tag: granello

Dopo lo stop del Consiglio Comunale, si metta una pietra sopra al progetto di Barcon


Salutiamo con soddisfazione il voto del Consiglio Comunale di Vedelago che ha negato il via libera alla cementificazione di ettari di terreno agricolo a Barcon.
Questa bocciatura è il secondo stop che il progetto di Barcon riceve da una assemblea elettiva, dopo che il Consiglio Provinciale bocciò la proposta del capogruppo leghista Giorgio Granello di introdurre la possibilità di derogare al piano provinciale, che non consente operazioni del genere, per poter contrattare il via libera all’ntervento a Barcon e all’insediamento di Ikea a Casale.
Auspichiamo che adesso cali il sipario su questa proposta e vi si metta una pietra sopra, e che anziché progetti che intendono strumentalizzare la crisi occupazionale in atto per consentire speculazioni fondiarie e devastazioni ambientali ci si possa applicare invece a progetti di sviluppo sostenibile e duraturo.

Luca De Marco
Coordinatore provinciale Sinistra Ecologia Libertà

Lascia un commento

Archiviato in ambiente

La Lega in stato confusionale

Il Sindaco di Ponzano e capogruppo provinciale della Lega Nord Giorgio Granello ci ha già abituato con le sue dichiarazioni a spinte  in avanti e a retromarce. Proprio sull’IMU, Granello dichiarava sulla  stampa che anche la Chiesa deve pagare la tassa, e poi in Consiglio  Provinciale, di fronte ad un nostro ordine del giorno che chiedeva al  legislatore un intervento per rendere meno ambigua la normativa sulle  pertinenze dei luoghi di culto da esentare da tassazione, faceva  retromarcia e votava contro.

Ora Granello dichiara di non capire perché il segretario provinciale della Lega e Sindaco di Vittorio Veneto abbia lanciato l’obiezione  fiscale contro l’IMU. Salvo nuove retromarce, se è vero che il capogruppo provinciale della Lega non capisce quello che fa il segretario provinciale della Lega, spalleggiato dal segretario nazionale della Lega e sindaco di Treviso, evidentemente non ci deve
essere un grande dialogo dentro quel partito. O forse le idee sono poche e ben confuse.

Certo è che l’IMU è una tassa, dal nostro punto di vista, iniqua e ingiusta perché non discrimina tra ricchi e poveri, e anzi in certi casi premia i redditi più alti e colpisce quelli bassi. Prevede uno sconto di 50 euro per ogni figlio sotto i 26 anni, indipendentemente dal fatto che produca un reddito o sia fiscalmente a carico dei genitori, e non prevede invece alcuno sconto per pensionati non autosufficienti e disabili gravi.

Ma l’idea di lanciare la rivolta fiscale una settimana dopo aver lasciato il Governo, è frutto di una idea cinica e bieca della politica, fatta di furbizie propagandistiche e di proclami fasulli buoni per acciuffare i gonzi, ma che non ha niente a che fare con la difesa degli interessi dei cittadini e del territorio. La Lega prima chieda scusa per aver fatto parte del peggior governo della storia della Repubblica, che ha ridotto l’Italia ad avere un governo di  salute pubblica come quello di Monti, e la smetta di prendere in giro i cittadini con proposte bislacche a cui non credono neanche loro stessi.

Luca De Marco
coordinatore provinciale SEL

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Per un futuro senza armi atomiche

NEW

Approvato all’unanimità dal Consiglio Provinciale di ieri sera.

Andrà in votazione nel Consiglio Provinciale di mercoledì 22 dicembre 2010 l’ODG presentato da vari Consiglieri sia di opposizione che di minoranza per l’adesione della Provincia di Treviso all’Associazione Mayors for Peace, promossa dai Sindaci di Hiroshima e Nagasaki.
La presentazione dell’ODG fa seguito al passaggio alla sede provinciale dei pacifisti tedeschi Brigitte e Wolfgang Schlupp-Wick, nel corso del loro viaggio di presentazione del messaggio dei due Sindaci giapponesi.

https://i2.wp.com/www.mayorsforpeace.org/jp/gif/main.gif

Lascia un commento

Archiviato in Pace

biciclette e gru di pace al Sant’Artemio

Stamattina in provincia i due pacifisti tedeschi Brigitte e Wolfgang  Schlupp-Wick sono stati accolti dai consiglieri provinciali di Sinistra Ecologia e Libertà Stefano Dall’Agata  e Luca De Marco, e da Giorgio Granello, sindaco di Ponzano e capogruppo provinciale della Lega Nord, in rappresentanza del presidente Leonardo Muraro, Gabriele Mattiuzzo, in rappresentanza del sindaco di Carbonera, ed Elena Mattiuzzo, in rappresentanza del sindaco di Maserada sul Piave. Sia Ponzano che Maserada sono comuni aderenti al circuito internazionale dei sindaci per la pace, mayors for  peace, nell’ambito del quale si colloca l’iniziativa dei due pacifisti tedeschi.

I coniugi Schlupp-Wick hanno spiegato il senso del loro viaggio, chiedere il disarmo nucleare globale, e l’itinerario percorso in questi mesi.

Assieme alla dichiarazione di pace firmata dal sindaco di Hiroshima, Brigitte ha consegnato a Stefano Dall’Agata una piccola gru di carta. In Giappone la gru equivale alla nostra colomba, simbolo di pace.

Sinistra Ecologia Libertà si trova in sintonia con le richieste degli amici tedeschi. Anche dal congresso nazionale della settimana scorsa è stato ribadito l’impegno di SEL per chiedere che si riprenda per mano la questione del disarmo a livello globale, e della destinazione a scopi umanitari e sociali delle risorse, ancor oggi ingentissime, destinate invece all’industria degli armamenti. il disarmo nucleare da parte delle nazioni occidentali aiuterebbe e rafforzerebbe la richiesta ai paesi che ancora non ne sono dotati, come l’Iran, di non intraprendere la via della costruzione della bomba atomica.

Anche l’Italia continua a destinare miliardi di euro per l’acquisto di armamenti, quando la situazione di crisi richiederebbe invece interventi a favore delle famiglie e dei cittadini in difficoltà. In questo contesto, SEL ribadisce la richiesta che si proceda anche al ritiro delle nostre truppe in Afghanistan, dove in modo sempre più evidente emerge il loro impegno in una situazione di guerra. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Pace

Pane Cave e Fantasia

Prendo atto del chiarimento che arriva dal Movimento a 5 Stelle, meglio tardi che mai!
Sottolineo però che ci troviamo davanti all’esempio concreto della pratica non politica (che spesso appare antipolitica).
Il fatto che dal gruppo dei grillini di Ponzano siano uscite delle posizioni a dir poco fantasiose «La convenzione è un airbag che si apre se succede l’incidente» come ha sintetizzato Franco Dal Col, è però sintomo di pressapochismo e di subalternità alla Lega Nord e al Sindaco Granello.
La monetizzazione della salute praticata attraverso la convenzione e i “trenta denari” dei cavatori non ha giustificazioni di sorta, e ribadisco che il voto contrario alla cava Morganella espresso da Giorgio Granello nel Consiglio Provinciale del 15 settembre 2008 non è giustificabile con la poca conoscenza dei fatti: se l’allora Presidente della IV Commissione Ecologia e Cave votava l’ODG in Consiglio Provinciale senza essere in grado di comprendere cosa votava, forse è il caso che si dedichi alla vita privata e abbandoni la politica, nonché che la Lega Nord sappia scegliere persone o più competenti, o più coerenti (ammesso e non concesso che per la Lega competenza e coerenza siano valori).


Stefano Dall’Agata – Sinistra Ecologia e Libertà
Consigliere Provincia di Treviso

Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in ambiente