Archivi tag: Mogliano

Un passo importante per la Sinistra a Mogliano

https://i2.wp.com/www.sinistramoglianese.it/main/images/stories/logo.gif

A due anni dalle ultime Elezioni Amministrative, Sinistra Moglianese trae un bilancio positivo della propria esperienza che, per quanto non conti su una rappresentanza in Consiglio comunale, è stata in ogni caso caratterizzata dalla promozione e dalla partecipazione ad iniziative pubbliche e all’espressione di diverse prese di posizione finalizzate al miglioramento della qualita’ della vita cittadina.

Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Politica

La pace pestata con i piedi

Ieri mattina , nel nostro gazebo domenicale in piazza, oltre che le nostre bandiere compresa quella italiana , è stata ” appiccicata ” con lo scotch sul tavolo la bandiera della Pace e siccome toccava per terra , la nostra compagna Michela mi ha detto : attento così la gente la pesta con i piedi.
La pace pestata con i piedi , ecco cosa sta accadendo in questi giorni e ci preoccupa tanto.
Certo , qui c’è il sole, il mercato aperto , la gente che passeggia serenamente per la città.
Tutto quello che sta accadendo è lontano , non si riesce a percepire se non attraverso i media e questo ci preoccupa  perché quello che accade sembra  qualcosa che non ci appartiene , perché  non è vicino  al nostro vivere quotidiano, anzi come direbbe qualcuno di qui , sono nord africani …. Invece l’italia è praticamente in guerra contro la Libia e assurdamente non è stata nemmeno la prima a decidere, ma vigliaccamente si è accodata alla Francia e nemmeno sotto il comando ONU.
Non capiamo l’atteggiamento che anche alcune forze di sinistra , hanno immediatamente manifestato votando a  favore dell’intervento militare.
Non capiamo , l’atteggiamento assurdo che anche la Lega sta avendo , preoccupata non delle conseguenze come  numero di morti e feriti  , ma solo quello di una eventuale invasione di povera gente che fugge da una tragedia che vede l’Italia , in prima fila; cioè noi attacchiamo la Libia e poi ci preoccupiamo dell’arrivo di chi naturalmente vuole fuggire dalla guerra che noi stessi stiamo attuando.  Oggi il governo si impegnerà per rendere Lampedusa pronta per la stagione estiva. Niente o quasi rispetto alle condizioni igieniche dei rifugiati che sono stipati in un centro di accoglienza per sole 800 persone e ora sono quasi 3000. Immaginate cosa significa vivere in quelle condizioni per anziani , madri con i loro figli.
Erano mesi che Sinistra Ecologia Libertà denunciava l’atteggiamento che il dittatore Gheddafi , aveva nei confronti del suo popolo, erano mesi ed unici nel panorama politico italiano, sensibili alle richieste del popolo libico che voleva ribellarsi alla dittatura.
Erano mesi che SEL non solo denunciava questa situazione , ma anche altre situazioni in altri stati i cui governi dittatoriali reprimevano i diritti minimi dei loro popoli.
Era l’anno scorso , quando andando a Roma , sono passato accanto ad una immensa tendopoli , con attorno centinaia di belle ragazze con un libro in mano. Sul momento ho pensato ad un nuovo Circo , mi sono fermato ed ho chiesto ad un vigile urbano che candidamente mi ha risposto :” è arrivato Gheddafi a trovarci, mi scusi ma deve levarsi dalla strada che si sta creando una coda enorme di automobili, e tutti quanti si fermano increduli e curiosi a pormi la stessa domanda”.
Ecco ricordiamoci anche lo squallido ” baciamano ” di Berlusconi nei confronti del dittatore.
Nei prossimi giorni , ci mobiliteremo perché noi  siamo contro la guerra, e lo diremo a chiara voce a tutte le persone che incontreremo in piazza  e che si deve combattere per la pace , facendo si che il nostro governo si dichiari a favore di un immediato cessate il fuoco, e che ci si attivi subito per portare aiuto concreto ai profughi che non sono merce , ma esseri umani.

Luigi Amendola
Coordinatore
Sinistra Ecologia Libertà
Mogliano Veneto

1 Commento

Archiviato in Pace

Cemento tanto Cervello Poco

https://lh3.googleusercontent.com/-GHHuHFN4iYQ/TX-C63gIcqI/AAAAAAAAAEo/neyQqzWVckg/s1600/cementificazione.jpg

Il consumo del nostro territorio a livello provinciale , sta assumendo una estensione e dir poco devastante. Tutta la nostra provincia , Mogliano compresa, ha visto negli ultimi anni , un elevato aumento delle aree destinate ad uso commerciale ed industriale , usando una urbanizzazione violenta . Nuovi fabbricati, nuove e tante case private , tanti supermercati , tanti piccole e medie industrie hanno fatto da incentivo alla costruzione di strade parcheggi  autostrade passanti e le tante  utilissime “ rotonde “ .
Questo consumo ha generato di conseguenza una diminuzione del terreno agricolo , trasformando gli insediamenti presenti , case , rustici e capannoni, in aree desertiche in totale degrado.
Terreno che ha smesso di produrre vera ricchezza , sia da un punto di vista ambientale  , che da quello occupazionale.
La tutela dell’ambiente in cui viviamo con esso la salvaguardia del territorio, sono ormai nelle mani di veri e propri imprenditori divoratori di suolo.
Purtroppo anche a Mogliano sta avvenendo questo, la nostra giunta continua ad approvare delibere e piani di costruzioni , tendenti ad aumentare la cementificazione del territorio , attraverso l’edificazione di strutture commerciali a ridosso della nostra città, facendo si che ormai nel nostro centro storico e non solo , tante attività a carattere familiare falliscono e con esso tanti negozi anche interessanti da un punto di vista culturale, chiudono i battenti.  Ormai se si passeggia al centro di Mogliano , le uniche insegne che si vedono sono quelle degli Istituti di credito e basta. In città non esiste ormai nulla che ci possa rendere il vivere quotidiano piacevole , abitiamo in un immenso triste dormitorio.
La lega che ci governa dalla Regione , passando per la Provincia e terminando al Comune, sta attuando , la politica della “ monetizzazione “ del territorio. Prima gli interessi finanziari dei loro amici imprenditori e poi gli interessi dei cittadini. Il suolo diventa oggetto di vendita selvaggia , motivando il tutto con la necessità di recuperare denari mal gestiti, senza attuare alcuna politica di sviluppo eco sostenibile .

https://lh4.googleusercontent.com/-YbpjcppbamU/TX_HjvD-c7I/AAAAAAAAAEw/aTblb2Mrdqk/s1600/cem.jpg

Questo meccanismo è molto pericoloso, in quanto Svendendo le aree comunale ( vedi area ex macevi) ed ora questa nuova proposta di una struttura commerciale nell’area ex nigi, , si finanziano in modo molto discutibile servizi ai cittadini , mal gestiti, a discapito dei cittadini stessi , che perdendo aree di terreno , si ritrovano inevitabilmente sommersi dal solo cemento con nulla , che possa migliorare la loro qualità di vita.
Quindi tanta ricchezza per pochi da una parte, tanto cemento inutile e dannoso per tutti gli altri, cioè noi.
Ricordiamoci che il suolo è un Bene di tutti , un patrimonio da difendere con le unghie e con i denti.
Ma perché invece di continuare a Svendere , non si inizi con una mappatura dei casali , capannoni e costruzioni abbandonate , attuando una politica di Ristrutturazione e di Riqualificazione del territorio, senza continuare ad abusare dello stesso, deturpandolo ulteriormente.
Ma perché questa giunta , considera il suolo dove respiriamo , mangiamo , corriamo , giochiamo e… viviamo una merce da scambiare in cambio di denaro , ed invece non inizi ad attuare una politica di recupero edilizio.
Ma perché invece di rendere Mogliano sempre più triste e grigia , non si inizia a dare una bella riverniciata di colore alla città , rendendola più viva, più illuminata , più gioiosa e amorosa ……
Ricordiamoci che se si continuerà a costruire , il territorio verrà sempre più divorato dal cemento ed andrà in sofferenza , trasformando la distanza che separa Venezia e Treviso in un’unica immensa periferia dormitorio  , piena di macchine , strade , rotonde ed inquinamento e basta.
Lottiamo perché Mogliano non sia una grande  banconota di colore verde  da poter scambiare ad uso e consumo della lega e della sua giunta .
Una Mogliano Migliore può esistere.
Luigi Amendola
Coordinatore
Sinistra Ecologia Libertà
Mogliano Veneto

Lascia un commento

Archiviato in ambiente

Il cattivismo sciocco della Giunta di Mogliano

lavforz.jpg

LAVORI ” FORZATI” a MOGLIANO VENETO

Questa mattina nel guardare il sito del Comune , leggo che La Giunta Comunale ha autorizzato nella seduta di mercoledì 2 marzo u.s. lo svolgimento nel territorio moglianese dei “lavori di pubblica utilità”, in applicazione dell’art. 54 D. Lgs. 28 agosto 2000 n. 274. , approvando la convenzione con il Tribunale di Treviso.

il nostro caro Sindaco ha commentato la decisione della giunta con una dichiarazione alquanto preoccuppante e assolutamente contraria allo spirito con cui è nata la legge 274/2000 , infatti commentando la decisione dichiara:

Chi sbaglia paga oppure lavora. Credo molto in questo meccanismo all’americana, che permette di tramutare la pena in lavoro. Credo anche che il lavoro “forzato” debba essere faticoso e utile, quindi ci sarà spazio per nuovi stradini, riparatori di buche, manutentori del verde. In un momento di crisi in cui le salate e giuste multe del Codice della Strada rischiano di diventare un salasso e un impoverimento dei redditi di una famiglia, il Comune, grazie al Tribunale di Treviso, dà la possibilità di scontare la pena lavorando”. Gli fa eco l’assessore alla politiche sociali:

Abbiamo aderito con entusiasmo a questa proposta – commenta l’Assessore alle Politiche Sociali Alessandro Gosetto – con l’auspicio che il lavoro di pubblica utilità, in sostituzione delle pene comminate dall’autorità giudiziaria,  possa costituire una concreta opportunità di riscatto sociale per il condannato e, allo stesso tempo, una preziosa risorsa per la Città”.

 

Quando si parla di Pubblica Utilità , l’art 54 delle legge in questione , parla chiaramente di lavori a favore della comunità e della collettività , con lo scopo non di PUNIRE l’imputato , attraverso lavori MASSACRANTI E FATICOSI, anzi l’articolo stesso riporta chiaramente che vi devono essere rispettate le esigenze di lavoro, di studio, di famiglia e di salute del condannato.

Perché dare questa impostazione al provvedimento con toni da sceriffo , usando la frase LAVORO FORZATO, che dà l’dea quasi di condannati con annessa camicia di colore a strisce bianche e blu , che girano per la città con pale , martelli e mazze a riparare buche e tombini sotto lo sguardo quasi attonito dei cittadini .

Inoltre chi dovrebbe svolgere questi lavori , sarebbero sicuramente persone il cui reddito sarebbe basso e nella totale impossibilità di provvedere , pur forse volendo , al pagamento della sanzione amministrativa.

In altri comuni il concetto di lavori di pubblica utilità è stato utilizzato per rendere le persone oggetto di tale provvedimento, cittadini migliori utilizzandoli in organizzazione di assistenza alla persona o in associazioni di volontariato.

Il nostro sindaco afferma che la maggior parte dei reati commessi dagli imputati oggetto di tale provvedimento, sono quelli a carico di infrazioni al codice della strada per guida in stato di ebbrezza con relativa causa di incidenti stradali, perché non utilizza questo provvedimento nel far svolgere ATTIVITA’ UTILI VERAMENTE quali ad esempio:

  • corsi di educazione stradale ( insieme ai vigili del comune) , raccontando come la loro esperienza ha nuociuto per se stesso e forse per gli altri.
  • sensibilizzare la città ad un minor uso di alcoolici ( insieme ad operatori sanitari), facendo si che anche i giovani siano coscienti del pericolo.
  • lavori a favore delle persone con handicap ed in stato di abbandono sociale.
  • assistenza ad anziani che trascorrono il loro tempo nella totale solitudine.

Tutte iniziative già svolte in altri comuni,ed ASSOLUTAMENTE GRATUITE

 

IL TUTTO DONEREBBE A CHI E’ OGGETTO DELLA CONDANNA NON  SOLO UNA MAGGIORE DIGNITA’ MA RENDEREBBE IL LORO LAVORO VERAMENTE UTILE PER TUTTA LA CITTA’, TRASFORMANDO MOGLIANO VENETO E TUTTA LA SUA COLLETTIVITA’  IN UNA REALTA’ EDUCATIVA E NON PUNITIVA.

 

Luigi Amendola

Coordinatore di Sinistra Ecologia Libertà

Mogliano Veneto

Lascia un commento

Archiviato in Dignità

UNA MOGLIANO MIGLIORE C’E’

SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ è nata a Mogliano Veneto , con lo spirito ed il bisogno espresso da alcune persone, molte delle quali totalmente nuove alla politica d i creare un cantiere delle idee e dei progetti, nuovo sia nel linguaggio e nei metodi.

Il quadro politico della città è devastato, confuso. Mogliano è diventata grigia e triste, come chi la governa. La città merita di meglio, la città ha bisogno di una nuova aria, dove si evidenzino insieme alla gente, le priorità ed i veri bisogni.

Creare un nuovo centro sinistra, non significa sommare semplicemente le forze politiche, da quelle più radicali a quelle moderate, ma significa finalmente ed insieme entrare nella città, nella vita quotidiana dei cittadini, con le loro paure e speranze, cercando di proporre delle certezze.

Confrontiamoci su temi importanti come la DISOCCUPAZIONE ED IL PRECARIATO che sta colpendo in maniera devastante il nostro territorio dove 7 su 10 sono le assunzioni con Contratto a Tempo determinato che terminano inevitabilmente in licenziamento. Dove i più colpiti sono i giovani tra i 20 ed i 30 anni.

Confrontiamoci sul tema della CHIUSURA DI ATTIVITA’ commerciali, a conduzione familiare , che hanno dichiarato fallimento, molte delle quali erano nel centro storico delle città, ormai diventato regno delle banche.

Confrontiamoci su come si comporta la LEGA, con il suo linguaggio quasi barbarico, fatto di semplici slogan che colpiscono in modo diretto i diversi e gli immigrati che rappresentano un valore aggiunto alla nostra economia.

Confrontiamoci sul FEDERALISMO FISCALE, che diventerà se approvato un semplice aumento delle tasse a carico delle famiglie anche di Mogliano, già abbondantemente tartassate.

Confrontiamoci sul tema della CEMENTIFICAZIONE ormai intensificata anche in città, dove forse una semplice ristrutturazione dei fabbricati abbandonati, aumenterebbe anche i posti di lavoro.

Confrontiamoci sui temi dei REFERENDUM importantissimi per tutti noi, dove l’acqua deve essere pubblica e dove un nucleare deve essere un ricordo del passato, impegnandoci fin da adesso a far raggiungere il quorum dei votanti.

FAR CADERE QUESTA GIUNTA E’ IMPORTANTE , MA ABBIAMO IL

DOVERE DI PENSARE ANCHE AL DOMANI DI QUESTA CITTA’.

UNA MOGLIANO MIGLIORE C’E’


SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ MOGLIANO VENETO

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Presentazione del libro “Nichi Vendola. Il volto nuovo della sinistra”

 

 

Presentazione del libro “Nichi Vendola. Il volto nuovo della sinistra”

Con gli autori Cristina Cosentino e Giuliano Rosciarelli

Ne discutono:

Francesco Dal Mas, giornalista

Roberto Carlucci, coordinatore circolo SEL Treviso

 

 

Nichi Vendola: una storia di passioni, una persona, una speranza per la sinistra e per l’Italia.

Nichi Vendola: l’estremista, il professionista di partito, il comunicatore senza sostanza.

Chi è il vero Nichi Vendola?

Un omosessuale dichiarato, un cattolico sofferto e appassionato, un uomo del Sud che vuole un altro Sud, un comunista che crede nelle riforme e nella non violenza.

Con interviste a: Pietro Folena, Fausto Bertinotti, Salvatore Tatarella, Guglielmo Forges D’Avanzati, Piero Conversano, Cesare Damiano, don Luigi Ciotti, Franco Grillini, Roberto Longo, Sebastiano Venneri, Michele Emiliano, Gian Carlo Caselli, Ambrogio Sparagna, Giorgio Parisi, Titti De Simone, Marcello Veneziani e Mario Desiati.

Cristina Cosentino, giornalista e autrice di programmi per radio e Tv. Ha collaborato con diverse testate, tra le quali Left-Avvenimenti, Liberazione e Panorama. E’ co-sceneggiatrice del film La fabbrica dei tedeschi e autrice del libro omonimo (Rizzoli 2008).

Giuliano Rosciarelli, giornalista e autore di programmi per radio e Tv, Collabora con Liberazione, Terra, Left-Avvenimenti e Dnews.

 

Non sarò presidente di un piccolo partito ma presidente di una grande speranza”, Nichi Vendola

LOVAT LAB, Libreria Lovat, Villorba, via newton

Giovedì 13 GENNAIO ORE 18,00

 

MOGLIANO VENETO

giovedì 13 gennaio alle ore 21.00

presso l’Associazione del Quartiere Est presso la Galleria Aldo Moro,via Barbiero accanto alla chiesa S. Carlo

Nichi Vendola: una storia di passioni, una persona, una speranza per la sinistra e per l’Italia.
Nichi Vendola: l’estremista, il professionista di partito, il comunicatore senza sostanza.
Chi è il vero Nichi Vendola?
…Un omosessuale dichiarato, un cattolico sofferto e appassionato, un uomo del Sud che vuole un altro Sud, un comunista che crede nelle riforme e nella non violenza.
Con interviste a: Pietro Folena, Fausto Bertinotti, Salvatore Tatarella, Guglielmo Forges D’Avanzati, Piero Conversano, Cesare Damiano, don Luigi Ciotti, Franco Grillini, Roberto Longo, Sebastiano Venneri, Michele Emiliano, Gian Carlo Caselli, Ambrogio Sparagna, Giorgio Parisi, Titti De Simone, Marcello Veneziani e Mario Desiati.
autore: Giuliano Rosciarelli, giornalista e autore di programmi per radio e Tv, si è occupato della comunicazione politica per la vicepresidenza della Provincia di Roma e per il gruppo parlamentare di Rc. Collabora con Liberazione, Terra, Left-Avvenimenti e Dnews.

“Non sarò presidente di un piccolo partito ma presidente di una grande speranza”,
Nichi Vendola

Con gli autori Cristina Cosentino e Giuliano Rosciarelli
Ne discutono:
Luca De Marco : Coordinatore Provinciale SEL Treviso
Luigi Amendola : Coordinatore Circolo SEL Mogliano Veneto

1 Commento

Archiviato in Politica

SEL mette radici nella Marca

Dopo il congresso provinciale del 10 ottobre e il congresso nazionale del 22-24 ottobre, Sinistra Ecologia Libertà prosegue il suo insediamento anche in provincia di Treviso.
radici1.jpg
L’Assemblea federale eletta dal congresso di ottobre ha provveduto alla elezione del coordinatore federale, Luca De Marco, e del coordinamento provinciale, composto da: Mario Bertolo,  Davide Buldrini, Annamaria Da Re, Stefano Dall’Agata, Michela Fedeli, Renato Zanivan.
Presidente dell’Assemblea federale è Bruno Schiavon. A gennaio saranno avviati i forum su scuola e formazione, e ambiente e territorio, aperti a non iscritti, gruppi e associazioni disposti a collaborare alla costruzione di un progetto di alternativa rispetto al berlusconismo e al sistema di potere leghista che pesa sulla nostra provincia.
Prosegue inoltre il radicamento nel territorio del movimento: recentemente sono stati eletti i coordinatori del circolo di Treviso, Roberto Carlucci, e il coordinatore del circolo di Mogliano Veneto, Luigi Amendola.
Nei prossimi mesi è previsto anche l’arrivo in provincia del presidente di Sinistra Ecologi Libertà e presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola.
Sinistra Ecologia Libertà intende contribuire alla costruzione di una alleanza di centrosinistra che alle prossime provinciali si proponga come alternativa alla gestione leghista della Provincia che in questi anni non ha saputo adeguatamente arginare né contrastare la crisi sociale ed economica che rischia di acuirsi nei prossimi mesi, né ha voluto opporsi ad una impostazione governativa che mortifica la funzione degli enti locali, soffocandoli attraverso la cancellazione dei trasferimenti e il giro di vite sul patto di stabilità.
Anche per le elezioni comunali del prossimo turno amministrativo, a Villorba, Oderzo e Montebelluna, Sinistra Ecologia Libertà lavorerà per la costruzione di alleanze di centrosinistra aperte a liste civiche e a chi intenda costruire un progetto di governo  delle realtà locali che fuoriesca dal localismo piccino e asfittico e si apra alle sfide di un nuovo modello di sviluppo del nostro sistema produttivo, di una difesa e valorizzazione del patrimonio ambientale e paesaggistico inteso come fattore di sviluppo e di qualità della vita, di un federalismo visto dal punto di vista delle comunità locali e dei servizi da garantire e da migliorare alla cittadinanza, e non dal punto di vista di logiche separatistiche o di neocentralismo regionale che sembra perseguire la Lega.

1 Commento

Archiviato in Politica

SEL a Mogliano

LA POLITICA Nasce Sinistra Ecologia e Libertà
«L’alternativa alla destra»

(Il Gazzettino Martedì 7 Dicembre 2010)

MOGLIANO – (N.D.) Il mondo politico moglianese si arricchisce di un nuovo soggetto. Si tratta del partito di Sinistra Ecologica e Libertà il cui comitato promotore è formato da Fiorella Fighera, Michele De Paolis, Luigi Amendola e Francesco Burlando. «C’è la necessità – dice il comitato promotore – di rispondere al bisogno di costituire un’alternativa all’egemonia delle destre, per rinvigorire un sogno e per lavorare intorno ad un progetto che possa diventare una battaglia di idee».
A breve sono previsti incontri per un confronto con la cittadinanza per discutere dei problemi cittadini. Con la nascita di Sinistra Ecologia e Libertà l’assetto politico della sinistra non subirà mutamenti. La lista civica Sinistra Moglianese coerentemente con il mandato del proprio elettorato continuerà il suo percorso confermando la coordinatrice Fabiola Caramel fino alla naturale scadenza dell’incarico.

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Video Gianni Mattioli a Mogliano

I 3 video dell’intervento di Gianni Mattioli all’iniziativa elettorale “Per un futuro sostenibile” realizzata da Sinistra Ecologia e Libertà a Mogliano Veneto il 14 marzo 2010.

Lascia un commento

Archiviato in ambiente

Metti una sera a Mogliano

Serata importante ieri sera (n.d.a. 14/3/10) alla Sala del Centro Sociale di Mogliano con l’iniziativa “Per un futuro sostenibile” promossa dalle Federazioni provinciali di Treviso e Venezia di SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTÀ nell’ambito della campagna per la lista SEL-PSI alle elezioni regionali. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in ambiente